Bed and Breakfast Villa Rosa - Via Caraglio 127/6 - 10141 TORINO -

tel. 333 4289843 Messaggia su WhatsApp  Whatsup    011-2178544 (solo segreteria telefonica)

bbvillarosatorino@gmail.com

www.bb-villarosa.it;

consigliato; bandiera Gran Bretagna; bandiera Francia; bandiera Germaniabandiera Spagna;  recomended

 

 

BED AND BREAKFAST VILLA ROSA TORINO

  PARCHEGGIO PRIVATO

 

 

home galleria fotografica la casa del B&B prezzi bed and breakfast  recensione ospiti

La storia della mia casa

Il Bed & Breakfast e' situato in una casa anni venti in un quartiere storico, Borgo San Paolo, sede dei vecchi stabilimenti Lancia, famoso nel tempo per la resistenza  antifascista negli anni trenta e sopratutto durante la Seconda Guerra Mondiale, meta di speranza  per migliaia di emigranti dal Sud negli anni 60.

Oggi le fabbriche sono scomparse da tempo ed il quartiere raccoglie i frutti del passato, le genti venute da regioni lontane hanno creato una comunita' di molte persone. Se si ha il cuore di ascoltare, si sente nel silenzio un coro di molte voci unite in un ricordo lontano di resistenza, di speranza e di generosita'.

Borgo San Paolo e' un melting pot di nazionale intensita', in cui ancora e' vivo il passato, la ribellione all'ingiustizia, la generosita' silenziosa del lavoro quotidiamo, il coraggio della lotta.

La casa del B&B Villa Rosa fu costruita nel 1926 sulle rive di un canale dalle acque antiche, oggi scomparso. Negli anni venti era il solo edificio presente nella zona, si ergeva solitaria sui prati circostanti, ed osservava in silenziosa sfida le cascine antiche poco distanti, oggi tutte scomparse.

La casa fu abitata da molte persone nell'arco degli anni, tutti hanno lasciato un ricordo silenzioso, la bambina  che negli anni trenta giocava all'ombra del cortile accompagnata dal  cinguettio dei canarini  allevati nell'orto, il giovane partigiano delle valli di Lanzo durante la guerra che nascondeva le armi nelle cantine, due signori anziani e silenziosi negli anni cinquanta, mio padre che acquisto' l'immobile nel 1956, il suo laboratorio fumoso nel fondo del cortile, mia madre che anziana ascoltava in silenzio l'incedere degli anni dietro alle tendine di pizzo.

Oggi sono io il proprietario della casa.  Nel Maggio del 2013 ho iniziato la mia attivita' con il B&B.

Oggi molte persone sono venute ed hanno soggiornato nella casa della mia infanzia, nuovi volti sconosciuti giunti da terre lontane che hanno portato alla casa nuovi ricordi ed hanno ascoltato i ricordi del passato.

Sulla facciata lato strada si scorge ancora il tocco gentile del tempo,

due fregi in stucco, tipici per le consuetudini inizio secolo.

 

La casetta meta' degli anni 30 vista dal cortile di oggi. La bambina che giocava all'ombra del cortile osserva immobile il nostro tempo. Al posto dell'autorimessa di oggi un orto e glicini, tutto intorno, campi ed alberi, la campagna di allora nel ricordo di oggi.

    MOZART nel 1771 e' stato in

Via CARAGLIO

 

Mozart a Torino dal 14 Gennaio - 31 Gennaio 1771

Mozart padre e figlio intrapresero tre viaggi in Italia dalla fine del 1769 all’inizio del 1773. Durante il primo di questi viaggi, che fu il più lungo, iniziato il 13 dicembre 1769,  Mozart visitò anche Torino.
Il 27 gennaio 1771 Wolfgang festeggiò il suo quindicesimo compleanno a Torino, probabilmente alla locanda dove alloggiava, la Locanda della Dogana Nuova (oggi Hotel Dogana Vecchia, via Corte D’Appello 4). Le fonti storiche non ci forniscono informazioni sulle attività di Mozart nel corso della domenica del 27 Gennaio .

Forse Mozart con il padre non rimasero tutto il giorno nella Locanda...

In carrozza forse lasciarono l'Hotel alla dogana nuova, si diressero verso le Mura della città  percorrendo la strada della  Dora Grossa (oggi Via Garibaldi),  attraversarono la porta Susina (al fondo di Via Del Carmine), e raggiunsero percorrendo la strada del Gerbo (Via San Paolo) di fronte alla Cittadella, la Fabbrica degli Esercizi Spirituali dell'Ordine dei Gesuiti, invitati ad un breve incontro con i padri.

La Fabbrica degli Esercizi Spirituali era un edificio dell'Ordine dei Gesuiti,  costruito nell'anno 1700 dal conte Silvestro Olivero. La Fabbrica, luogo di preghiera, in quel tempo di notevole fama in tutto il Piemonte, era situata fuori le mura in una zona di campagna dove sorgerà il Quartiere San Paolo, in corrispondenza dell'odierna Via Caraglio, allora solo un sentiero lungo le mura del complesso, a pochi passi dal punto in cui oggi sorge  il mio B&B.

Oggi la Fabbrica degli Esercizi Spirituali non esiste piu'.

Nel 1779 il convento diventò un Seminario per poi passare al Demanio come Polveriera ed essere abbattuta nel 1941 per permettere alla Lancia di espandersi. Oggi sul sito storico settecentesco sono sorti un ipermercato e nuove abitazioni. Un tratto della strada San Paolo è diventato un giardino.

Mozart e padre rimasero solo poche ore nel Convento. Forse Mozart si affacciò alle finestre del primo piano con lo sguardo volto al tramonto vicino. Vide una serie di canali nella campagna grigia.

Una sensazione strana di curiosa attenzione improvvisamente si impadronì di lui, come se qualcuno lo osservasse non visto dai campi nebbiosi, dal canale dove sorgerà la mia casa, come se qualcuno al suono eterno della sua musica a venire gli porgesse ringraziamento con un inchino di profonda dedizione dell'anima.

Ma fu solo per un attimo.

Subito dopo tutto tornò come prima, Mozart abbandonò la finestra, la Fabbrica ed il quartiere che non era ancora sorto.

Forse Mozart è stato veramente in Via Caraglio allora in quel lontano gennaio del 1771, non è probabile anche se forse possibile, in ogni caso non confermato dalle fonti della storia, ma la sua musica eterna risuona sommessa ancora oggi in Via Caraglio, risuona e risuonerà per sempre con serenità, con gioia.

Forse Mozart è ancora affacciato a quella finestra della Fabbrica degli Esercizi Spirituali, che oggi purtroppo non esiste piu', in silenziosa attesa che la sua musica possa compiere un miracolo, possa unire le genti, creare comprensione e solidarietà, amore e  tolleranza.


Fabbrica degli esercizi  spirituali nel 1941 prima della demolizione

Quadro di Ignazio Sclopis custodito nel castello di  Racconigi - la Frabbrica degli esercizi spirituali nella seconda meta del Settecento


 

 la Fabbrica degli Esercizi nella seconda metà dell'Ottocento vicino il canale dove sorgerà la mia casa